Fortezza Chaberton in mtb – photo gallery e traccia GPS

  • 107
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Certamente uno degli itinerari più importanti della mountain bike in Valle di Susa, fatto di fatica e paesaggi spettacolari, ma anche un percorso di riferimento anche per la mountain bike in Piemonte sicuramente.

3130 mt di altitudine, che si raggiungono anche in mtb, dove esiste la più alta fortezza d’Europa, edificata dagli Italiani, e al termine del secondo conflitto mondiale passata sotto i confini Francesi.

Come per altri territori della Valle di Susa, ora anche loro in territorio Francese, l’accesso rimane comunque dall’Italia, ed è proprio da Fenils, che inizia il nostro percorso, lasciata l’auto nei pressi della strada statale 24 si inizia la lunga salita che risale verso la fortezza per un totale di 1840 mt di dislivello di salita, buona parte dei quali in portage.

Pertanto rimane un percorso adatto a persone allenate, abituate allo sforzo fisico alle alte quote e con una buona capacità di condotta della bicicletta per la discesa, un escursione che non deve esser sottovalutata nella sua preparazione, ma che viene ripiegata dai panorami eccezionali che regala la quota.

Nella traccia che proponiamo, raggiunta la fortezza, abbiamo effettuato la discesa non completamente dal percorso di salita, abbandonandolo al colle dello Chaberton a quota 2700 mt circa scendendo dal versante Francese, variante che richiede ottima capacità tecnica, ma che comunque  SCONSIGLIAMO per via della continuità della difficoltà deli passaggi che impongono massima attenzione a muoversi su un tracciato di discesa che non “lascia respiro” per buona parte del suo sviluppo, a Claviere, noi abbiamo optato per la discesa lungo le Gorge di S.Gervasio, percorso che, anche in questo caso, prevede difficoltà e passaggi tecnici, oltre alla via di accesso nel sentiero, caratterizzata da una ripida scalinata attrezzata con catene a cui è indispensabile tenersi durante il portage in discesa.

Rilasciamo la traccia come sola indicazione sommaria del percorso, ognuno è responsabile delle sue azioni e della sua capacità di condotta.. la montagna non sa che stai seguendo il GPS….